Farmacista

10
mag

Ecm e autoformazione. Ecco cosa fare per ricevere crediti

Fonte: www.farmacista33.it

Tra gli strumenti messi in campo per riuscire a ottemperare l’obbligo formativo entro la fine del triennio in corso, il 31 dicembre, ci sono anche le novità di fine anno sull’autoformazione che ne hanno aumentato il peso, facendola passare dal 10% al 20% del fabbisogno formativo. Un campo le cui regole generali sono state fissate in varie delibere della Commissione nazionale Ecm dell’anno scorso e nel Manuale sulla formazione continua per il professionista sanitario, ma il cui dettaglio può essere specificato dalle singole Federazioni degli ordini professionali, che hanno anche la possibilità di aggiungere casistiche. Per i farmacisti, sul tema, di recente, c’è stata una delibera della Fofi e sul punto, a Farmacista33, si è espresso anche Giovanni Zorgno, referente della formazione per la Fofi, nonché membro della Commissione nazionale Ecm, fornendo un ulteriore orientamento. Read more

3
mag

Le competenze per formare i nuovi consulenti della salute e del benessere

Fonte: www.pharmaretail.it

Le farmacie vivono una fase di intensa e rapida trasformazione: da erogatori di farmaci prescritti dai medici sono diventati fornitori di servizi che rispondono ad una diffusa domanda di benessere. Anche i fruitori dei servizi sono cambiati e, in larga parte, esprimono una domanda di confronto e di supporto nella gestione della salute. La farmacia cambia immagine da diversi punti di vista: dai prodotti/servizi offerti, all’allestimento degli scaffali, alla crescente configurazione di spazi per accogliere una domanda di attenzione personalizzata. Read more

29
mar

Manicure, business fiorente: al farmacista interessa?

Fonte: www.pharmaretail.it

Pubblicato 27 Marzo 2019 Da Agnese Ferrara
a firma: Agnese Ferrara

Manicure, business fiorente: al farmacista interessa?
Che cosa c’entra la farmacia con la manicure? Pochissimo, a giudicare da quante farmacie si occupano della cura delle mani che includa anche il fronte estetico e non solo la vendita di prodotti per tagliare, rinforzare le unghie e curare le micosi. Moltissimo, si potrebbe invece rispondere a giudicare dall’interesse femminile e maschile per avere unghie esteticamente perfette ma sane e, contemporaneamente, dall’alta frequenza di patologie che colpiscono il letto dell’unghia e la sua lamina. La stessa manicure, fatta senza cura, è motivo di infezioni, unghie sfaldate, fragili e mani sensibili a furia di acetone, collanti per applicare le unghie finte e smalti semipermanenti. Read more

1
mar

Usa: migliorare l’immagine del farmacista e della farmacia

Fonte: www.pharmaretail.it

ATTUALITÀ

Chiara Romeo | 27 Febbraio 2019

Anche negli Usa si discute di come valorizzare il ruolo della farmacia e dei farmacisti, dando il giusto peso a un professionista che conosce a fondo il farmaco e che ha contatto quotidiano con i pazienti. Di questo si è parlato al ventesimo Drug Store News Industry Issues Summit di New York: le sfide per i farmacisti e per l’industria strettamente legata alla farmacia includono la misurazione dei risultati, la connessione migliore con i fornitori e l’ulteriore coinvolgimento dei pazienti – racconta David Orgel, giornalista e consulente, in un suo articolo su Drugstorenews.com. Read more

6
nov

Le “soft skill” salveranno la farmacia e il farmacista dall’automazione

Fonte: www.pharmacyscanner.it

Blog-notes
2 novembre 2018
Facciamo un gioco: scrivete su un foglio le qualità che dovrebbe avere il vostro collaboratore ideale. Fatelo che siate titolari di farmacia o dipendenti. Finito? Bene

La maggior parte di voi avrà elencato quasi sicuramente caratteristiche che in gergo vengono definite “soft skills”: autonomia, flessibilità/disponibilità, propositività, capacità comunicativa, problem solving, resistenza allo stress, empatia, creatività e così via. Hanno questo nome perché si tratta di capacità relazionali e comportamentali che determinano il modo con cui ci poniamo nell’ambiente di lavoro: “soft” per distinguerle dalle “hard skills”, le competenze tecniche e professionali. Read more

19
ott

Oggi parliamo di… fedeltà

Fonte: www.pharmaretail.it

Francesco Fabris | 17 ottobre 2018

Una virtù apprezzata, la fedeltà, sia nel privato, cioè nei rapporti tra coniugi, amici, soci, sia in situazioni pubbliche, tanto che “Semper fidelis” è il motto dei Marines e “Nei secoli fedele” quello dell’Arma dei Carabinieri. Oggi però parleremo di un’altra fedeltà, quella dei clienti a un prodotto o a un punto vendita.

Brand loyalty e store loyalty

I testi di marketing distinguono tra la fedeltà (o lealtà) verso la marca e quella verso il punto vendita. La prima (brand loyalty) è questione che interessa l’industria, mentre quella al singolo punto vendita è di competenza del responsabile che lo gestisce e di chi sta a contatto con il pubblico. Nel nostro caso, del titolare di farmacia e dei suoi collaboratori. In realtà, c’è pure una lealtà di marchio che può interessare il farmacista, se consideriamo come un brand l’insegna “farmacie italiane”. Ciò in quanto riteniamo che l’operato di un farmacista si rifletta soprattutto su se stesso e sulla sua farmacia, ma anche, in piccola parte, nel bene e nel male, su tutte le farmacie. Read more

28
ago

Dal 20 al 22 settembre a Napoli il Congresso della Società Farmaceutica del Mediterraneo Latino

Fonte: www.federfarma.it

L’aderenza alla terapia e la presa in carico del paziente saranno al centro del XXXIII Congresso internazionale della Società Farmaceutica del Mediterraneo Latino, che si terrà dal 20 al 22 settembre all’Hotel Royal Continental di Napoli.

I lavori si apriranno con la conferenza organizzata dal Gruppo Italiano sull’ “Intervento del farmacista nella gestione clinica multidisciplinare dei pazienti diabetici: presentazione di un servizio di promozione all’aderenza terapeutica in farmacia”. Read more

31
lug

Soccorso in farmacia: farmacista tenuto a intervenire, in quanto cittadino

Fonte: www.farmacista33.it

In caso di pericolo di vita, il farmacista è tenuto a soccorrere, non per la sua professione, ma per l’art. 54 del codice penale, ovvero quello che definisce il cosiddetto stato di necessità, che riguarda tutti i cittadini. È questa la risposta ai dubbi sollevati da un caso di emergenza verificatosi in provincia di Monza e Brianza: un uomo punto da oltre cinquanta vespe, mentre stava effettuando dei lavori in giardino, è stato soccorso e salvato da una farmacista in farmacia. Le cronache locali riportano che appena la farmacista ha visto l’uomo entrare nel suo locale con i sintomi tipici dello shock anafilattico, gli ha subito somministrato cortisone e ha immediatamente allertato il 118. Il paziente è stato poi trasportato in codice giallo all’ospedale e, fortunatamente, non è in pericolo di vita. Read more

17
lug

Cosmesi sotto il sole? Cosa non consigliare in estate

www.pharmaretail.it

Mentre si moltiplicano gli studi a favore dei ‘prodotti irrinunciabili in estate’ (qualcuno in fase sperimentale, … ne parleremo nel prossimo articolo), approfondiamo invece quali cosmetici sarebbe bene evitare durante la più assolata stagione dell’anno.

Cosa sconsigliare

D’estate la routine andrebbe cambiata perché le solite creme, deodoranti, profumi, shampoo e prodotti per il make-up potrebbero scatenare dermatiti, eritemi, fenomeni di sensibilizzazione e reazioni allergiche (fotosensibilizzazioni e fotoallergie). Insomma, i cosmetici preferiti, collaudati da tempo e ritenuti affini alla pelle dei clienti, potrebbero non dare più gli effetti sperati e fare male. Bisogna dunque valutare se sostituiti con altri che invece non danno problemi.

Occhio agli ingredienti

A cosa il farmacista può dare un’occhiata? All’elenco degli ingredienti. Ci sono quelli noti a tutti, così come sostanze meno rinomate ma presenti nelle formulazioni cosmetiche che, con i raggi ultravioletti, le alte temperature, l’uso di integratori, di farmaci, succhi di frutta e perfino con qualche cocktail estivo di troppo (la dermatite da Margarita è stata appena inclusa nell’elenco dei possibili fenomeni allergici della pelle dalla Skin Cancer Foundation!), potrebbero provocare reazioni cutanee. Altri ingredienti diventano a rischio in estate perché, sommati all’uso di alcuni farmaci, possono divenire foto-sensibilizzanti. Read more

17
lug

Perché il detox digitale è la grande occasione per le Farmacie del 3° millennio

Fonte: www.farmaciavincente.it
di Luca Sartoretto Verna

SMETTILA DI STARE SEMPRE AL TELEFONINO!

Quante volte te lo sei sentito dire?

… ma guardandosi attorno sembra diventata la normalità e se lo fanno tutti, che male c’è?

Al ristorante osservo scene a cui non voglio abituarmi:

bambini “ipnotizzati” davanti al cellulare,
comitive di ragazzi e ragazze intenti a chattare, invece che a parlare a tavola,
coppie in silenzio di fronte ai loro smartphone.
E’ una PIAGA dei nostri tempi perché riguarda TUTTI, indistintamente. Read more