Free from Hub: nasce a Bologna la fiera degli alimenti “senza”

Condividi l'articolo...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Fonte: www.pharmaretail.it – 12 febbraio 2020

di Chiara Romeo

Sarà presente anche all’interno del prossimo Cosmofarma, in programma a BolognaFiere dal 17 al 19 aprile 2020, il nuovo progetto fieristico Free From Hub dedicato a un settore emergente, quello dei prodotti free from, che si declina in un ampio ventaglio di ambiti. Fanno parte della categoria i prodotti che non comprendono nella propria composizione determinati ingredienti, composti o sostanze particolari che il consumatore predilige per motivazioni diverse: dalle intolleranze o allergie alimentari alle scelte alternative dietetiche ed etiche.

Un settore variegato
Sono sempre più diffusi i prodotti senza glutine e senza lattosio, cui si affiancano, con trend crescente, altri prodotti senza ingredienti come uova, sale, lievito e allergeni, olio di palma e antibiotici. Secondo il rapporto dell’Osservatorio Immagino 2019, in termini assoluti, l’universo del free from conta oltre 12.000 prodotti per un controvalore che sfiora i sette miliardi di euro. Il paniere dei prodotti free from continua a essere tra i più importanti tra quelli rilevati dall’Osservatorio Immagino, con una quota del 18,1% sui prodotti in assortimento e del 26,9% sulle vendite a valore registrate in supermercati e ipermercati.

L’interesse dei consumatori per il settore è confermato dai dati Eurispes 2019. Quasi un quinto degli italiani dichiara di acquistare alimenti privi di glutine; tuttavia, solo al 6,4% è stata diagnosticata una intolleranza, mentre il 12,9% li assume senza essere intollerante al glutine. Simili i numeri dei “senza lievito”, che vengono acquistati da quasi un quinto degli intervistati: il 4,6% è stato effettivamente riconosciuto intollerante, a differenza del 14%, che ammette di non esserlo. Mentre, se l’8,5% degli italiani acquista prodotti alimentari senza lattosio perché ha avuto una diagnosi di intolleranza, ben il 17,5% lo fa pur non essendo intollerante.

È in questo contesto che si inserisce la nascita del Free From Hub, una sorta di fiera nella fiera. Infatti si troverà all’interno di piattaforme fieristiche internazionali dedicate a grande distribuzione, farmacia e parafarmacia, erboristeria, biologico e commercio specializzato. Un progetto che si concretizza con una serie di appuntamenti internazionali, dedicati al business degli alimenti free from, caratterizzati da un’area espositiva dedicata, contenuti e approfondimenti sulle tematiche rilevanti del settore. Non solo una vetrina per presentare i prodotti, ma una piattaforma espositiva trasversale: in programma una serie di occasioni di approfondimento nell’ambito delle manifestazioni di BolognaFiere in cui i prodotti free from trovano declinazione.

I commenti sono bloccati.