Farmacia: il 2020 comincia in salita

Fonte: www.pharmaretail.it – 19 febbraio 2020

di Viki Nellas

Dopo il dicembre positivo, il mese di gennaio non mantiene le aspettative. Un calo che avviene nonostante il notevole incremento dei casi di influenza, che ha quasi raggiunto il suo picco stagionale nell’ultima settimana del mese. Come si spiegano dunque i risultati poco positivi di questo inizio anno? La diffusione della patologia influenzale è stata inferiore rispetto al 2019 (fonte Rapporto Influnet), inoltre a gennaio il calendario ha portato un giorno lavorativo in meno per le farmacie, determinando un complessivo calo degli ingressi rispetto a gennaio dello scorso anno. Queste dinamiche fanno sì che, se confrontiamo i risultati della farmacia con quelli di gennaio 2019, osserviamo un decremento in termini di fatturato (-1,8%) ma soprattutto in termini di volumi (-3,6%). Entrambe le componenti del mercato chiudono con un trend negativo: nello specifico l’Etico decresce a valori del -1,9% e a volumi del -4,0%; stessa dinamica, anche se un po’ più contenuta, per il Commerciale che decresce a valori del -1,6% e decresce anche a volumi del -2,8%.

ANALISI DEGLI INGRESSI
Il trend negativo di gennaio è, come abbiamo sottolineato, in parte condizionato dal calendario. Infatti, nell’ultimo mese, si è mediamente registrato un giorno in meno di apertura delle Farmacie rispetto a gennaio 2019 (-2,6%), che si è portato dietro una riduzione proporzionale nel numero totale degli ingressi (-2,6%). Il numero di scontrini medi per giornata lavorativa è però rimasto stabile e si è registrato un lieve incremento nella performance media per scontrino in termini di fatturato (+0,7%), a fronte però di un decremento in termini di pezzi (-1,6%).Cattura

FONTE NEWLINE RICERCHE DI MERCATO | CAMPIONE RAPPRESENTATIVO DELLA POPOLAZIONE DELLE FARMACIE ITALIANE | GENNAIO 2020

 

L’ANDAMENTO DEL FARMACO

Analizzando nel dettaglio i mercati, vediamo che a gennaio complessivamente il Farmaco Etico chiude in decrescita a fatturato (-1,9%) con andamento opposto per le sue componenti, in particolare la parte di Marca segna un -2,7% mentre la parte Equivalente segna un +1,4%. Per quanto riguarda i volumi di vendita il trend è negativo sia per il farmaco Branded (-4,4%) sia per il Generico (-3,0%).

Il Farmaco senza obbligo di prescrizione complessivamente è in decremento sia a valori (-2,7%) sia a volumi (-5,0%). Entrambe le sue componenti hanno registrato performance negative a valori (SOP -2,9%, OTC -2,6%) ed anche a volumi(SOP -4,3%, OTC -5,3%).

Cattura2FONTE NEWLINE RICERCHE DI MERCATO | CAMPIONE RAPPRESENTATIVO DELLA POPOLAZIONE DELLE FARMACIE ITALIANE | GEN-20 VS GEN-19 | DATI A VALORE

 

L’ANDAMENTO DELL’EXTRAFARMACO

L’Extra-Farmaco nel suo insieme chiude il mese di gennaio in calo a valori (-1,2%) e a volumi (-1,9%), con l’eccezione degli integratori, con un incremento del +3,1% a valore e +1,8% a volume, seguiti dai Dispositivi Protezione Apparati (+2,1% a valori, +0,7% a volumi) e, infine, dalla Dermocosmesi e Igiene che resta stabile a valore ma non a volume (+0,2% a valori e -1,4% a volumi). Il comparto che registra il risultato peggiore è quello dei Presidi in Convenzione che perdono il -18,7% a fatturato e il -12,0% a pezzi, seguito dall’Omeopatia con risultati negativi sia a fatturato (-10,8%) sia a pezzi (-12,0%) e dalla Veterinaria (-2,7% a fatturato e -8,2% a pezzi). Con trend sempre negativo, ma meno marcato a valore, troviamo la Fitoterapia (-0,7% a fatturato e -3,0% a pezzi), il comparto degli Altri Alimenti e Dietetici (-0,6% a valori e -2,9% a volumi) e i Sanitari (-0,3% a valori, -0,5% a volumi).

Cattura 3

 

 

 

 

 

 

 

I commenti sono bloccati.