SoFarmaMorra
Aifa, marcia indietro sulle eparine PDF Stampa E-mail

È in vigore dal 12 luglio la determina Aifa che ripristina il regime di distribuzione territoriale per le eparine. La determina n. 614, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'11 luglio, fa seguito al parere della Commissione tecnico-scientifica dell'Aifa, interrogata dopo la pronuncia del Tar Lazio che sospendeva la determina di febbraio 2013 con la quale l'Agenzia aveva inserito nel prontuario ospedaliero (Pht), quindi in distribuzione diretta, tutte le eparine per tutte le indicazioni cliniche autorizzate. Di fatto, lo spostamento delle eparine dalla farmacia alla distribuzione diretta aveva provocato non pochi disagi ai pazienti e perdite alla farmacia, senza che la manovra fosse motivata da motivi di sicurezza o tutela della salute pubblica.
Ora si torna alla situazione precedente, nella quale il Pht è limitato alle eparine a basso peso molecolare e all'eparina calcica, quando prescritte per la profilassi della trombosi venosa profonda (Tvp) e la continuazione della terapia iniziata in ospedale, sia dopo intervento ortopedico maggiore sia dopo intervento di chirurgia generale maggiore.In dettaglio, i principi attivi coinvolti nella decisione dell'Agenzia del farmaco sono: eparina calcica, eparina sodica, dalteparina, enoxaparina, nadroparina, parnaparina, reviparina, bemiparina. Tutte le altre indicazioni terapeutiche autorizzate per i suddetti farmaci, anche in regime di rimborso Ssn, non rientrano nel Pht.
Fonte: Farmacista33- 16 luglio 2013

 

Banner